Terre Boscaratto e la Vespa del 1967

Mario e Denis Boscaratto Mario e Denis Boscaratto in Vespa

Alle Terre Boscaratto ci si arriva dalla strada statale, da sud, dalla zona artigianale dove si prende la strada che sale e porta verso la dolce collina, lasciando dietro di se le costruzioni. Bastano pochi metri per arrivare ad una prima casa colonica, un po' lasciata alla sua storia ma con tante storie da raccontare. Una curva a sinistra e avanti ancora un piccolo cartello in legno indica Terre Boscaratto, si passa un ponticello protetto da una palizzata in legno e tutto assume un sapore nuovo. I vigneti curati, anzi amati, la casa, un tempo dei Conti Collalto, curata in ogni dettaglio e fuori dal cortile una Vespa probabilmente un 125 GT del 1967 con i segni del tempo addosso usata come mezzo da lavoro in vigna e con un vecchia tanica in plastica come paraurti. Denis ci accoglie nel cortile con il papà, Mario, e ci racconta la storia di Terra Boscaratto. Anche in questo caso come capita spesso nello storie FIVI, quarta generazione di vignaioli in realtà vignaioli da sempre, oggi con quattro ettari coltivati nei colli di Susegana, colline dolci, con terreno argilloso, ricco di minerali, coltivato soprattutto a Glera, da cui viene prodotto il Prosecco e un ettaro a merlot e cabernet. Attorno un po' di seminativo e boschi. Dopo gli studi per Denis l'idea di lavorare la terra era un po' lontana, o meglio, dopo averla lavorata molto anche da bambino, quando gli altri amici magari andavano a giocare al patronato e si abbandonavano a scorazzate in bicicletta, lui doveva rimanere in vigna o a tagliare il fieno e quindi lavorare fuori casa significava anche libertà. Entra così in una cooperativa sociale, subito come servizio civile, a lavorare con ragazzi con diverse abilità, ma poi ci rimane per altri quindici anni. Un lavoro, ci racconta, che gli ha dato tanto a cui ancora si sente legato, ma poi, nel 2014, decide di tornare in famiglia per continuare quel percorso che dura da secoli in famiglia Boscaratto. Torna a casa quindi con l'idea di metterci del suo. Viene attivato il Bed & Breakfast e inizia a pensare all'idea di dare un'identità ai sui vini pensando ad un'immagine , ad un'etichetta e ad un volto nuovo per Terre Boscaratto. In questo processo di trasformazione entrare in FIVI diventa fondamentale. L'idea di lavorare veramente in rete senza invidie o sentimenti negativi gli da una nuova energia e sente di essere attorniato di gente con la voglia di fare bene, un po' come imparato per anni nella cooperativa sociale. 


Terre Boscaratto

Via Ponte Vecchio, 5 
31058 Susegana TV
Telefono: 0438 173 6690
www.terreboscaratto.com
Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.





Iscriviti